Momenti d'impegno,
occasioni d'incontro.

Quarto Concorso Scolastico
Nicola Nappo
vittima innocente della criminalità organizzata

Articolo 1 | INTRODUZIONE E TEMA DEL CONCORSO

Il 9 luglio ricorre l’anniversario della morte di Nicola Nappo, vittima innocente della camorra. Il Presidio di Libera a Scafati, intitolato a Nicola, intende ricordarlo attraverso un Concorso scolastico artistico-letterario rivolto alle studentesse, agli studenti e ai loro genitori delle scuole primarie e secondarie dei Comuni di Scafati e Poggiomarino.

Nicola era un giovane come tanti altri, lavorava in un’officina e frequentava la parrocchia. Il 9 luglio del 2009, la sua vita è stata spezzata da due killer della camorra che erano stati inviati a freddare un esponente di un clan rivale, al quale Nicola somigliava. Questa è stata la sua unica colpa. Troppo facile pensare che Nicola fosse “nel posto sbagliato al momento sbagliato”. Un alibi e una giustificazione insensati, ai quali invece bisogna contrapporre la certezza che Nicola, come tutte le vittime innocenti di camorra, fosse esattamente al posto giusto al momento giusto, e che è la camorra a non dover trovare spazio nelle nostre città, nelle nostre strade, nelle nostre comunità e nelle nostre vite.

Il titolo di questa quarta edizione del Concorso scolastico Nicola Nappo, svolta in collaborazione con la Parrocchia di San Francesco di Paola, è:

Momenti d’impegno,
occasioni d’incontro.

Il tema sul quale lavorare è quello dell’INCONTRO CON L’ALTRO E COL DIVERSO, da esplicitare nei prodotti realizzati a partire dai seguenti spunti di riflessione:

Ti è mai successo che “un altro” sia entrato nella tua vita in maniera inaspettata, facendoti distogliere l’attenzione da te stesso?

Incontrare davvero l’altro non è un evento programmabile come l’appuntamento con un amico, ma un incontro inaspettato: l’altro arriva nella nostra vita sempre in maniera inattesa. Occupa i nostri spazi e modifica i nostri piani. Assorti nei nostri pensieri e presi dai nostri programmi, qualcuno posa il suo sguardo su di noi. Quello sguardo è una richiesta: di tempo, di spazio, di ascolto, di vita.

L’altro ci ricorda che non tutto è nostro, che non tutto gira intorno a noi. Non si lascia chiudere nel quadro delle nostre condizioni. Non corrisponde alle nostre aspettative, ai tempi e agli spazi che eventualmente abbiamo deciso di riservargli. Ha altri tempi, un altro linguaggio, altri sogni, altre esigenze.

Spesso presumiamo di sapere tutto su chi ci è di fronte, mettiamo etichette e non ci fermiamo a scoprirlo, non gli diamo la possibilità di sorprenderci. L’altro ci chiede di accoglierlo nella sua diversità, donandogli ciò a cui teniamo di più, e questo non può essere fatto “a condizione che”.

Senza questa visita scomoda ed inattesa, però, rimarremmo perennemente intrappolati in noi stessi, senza conoscerci realmente. È così diverso da me, eppure io non posso essere me stesso senza l’altro.

Accorgersi della presenza di chi ci è accanto ci rimette in discussione. Nel donare, scopriamo in noi sempre nuove risorse, un nuovo modo di guardare il mondo. Si apre così una nuova strada: la meraviglia e la ricchezza del “noi”, della comunità.

Articolo 2 | AMBITI DI PARTECIPAZIONE E FORMA DEGLI ELABORATI

La partecipazione al concorso è riservata a:

  • Scuole primarie (classi quinte);
  • Scuole secondarie di primo grado;
  • Scuole secondarie di secondo grado;
  • Genitori degli studenti delle categorie di cui sopra.

È ammessa la partecipazione degli studenti in forma:

  • singola
  • di classe intera
  • in gruppo (anche interclasse).

La partecipazione dei genitori è ammessa in forma:

  • singola
  • associata con i figli studenti.

Gli studenti delle classi quinte delle Scuole primarie possono partecipare producendo un elaborato a scelta tra:

  • Disegno (su f oglio A4, anche cartoncino);
  • Poesia (formato .pdf);
  • Lavoretto (larghezza max 35 cm, profondità max 35 cm, altezza max 35 cm).

Gli studenti delle Scuole secondarie di primo grado possono partecipare producendo un elaborato a scelta tra:

  • Inchiesta giornalistica (formato .pdf, max 6000 caratteri spazi inclusi)
  • Video-inchiesta giornalistica (formato .mp4, max 7 minuti)
  • Esecuzione di un brano musicale originale (musica e testo; formato audio .mp3, testo .pdf; max 3 minuti)
  • Fotografia (solo singoli; in formato .jpg, dimensione max 10MB)

Gli studenti delle Scuole secondarie di secondo grado possono partecipare producendo un elaborato a scelta tra:

  • Inchiesta giornalistica (formato .pdf, max 6000 caratteri spazi inclusi)
  • Video-inchiesta giornalistica (formato .mp4, max 7 minuti)
  • Esecuzione di un brano musicale originale (musica e testo; formato audio .mp3, testo .pdf; max 3 minuti)
  • Fotografia (solo singoli; in formato .jpg, dimensione max 10MB)

I genitori degli studenti delle Scuole primarie (solo classi quinte) e secondarie di primo e secondo grado possono partecipare producendo una fotografia particolarmente significativa e dall’alto valore simbolico che ritragga le fasi realizzative del percorso di lavoro dei figli/studenti per il Concorso Nicola Nappo (in formato .jpg, dimensione max 10MB).

Il concorso, come detto, è rivolto agli studenti delle classi quinte delle Scuole primarie, a tutti gli studenti delle Scuole secondarie di primo e secondo grado e ai genitori delle scuole sia pubbliche che private paritarie, ricadenti nei comuni di Scafati e Poggiomarino.

L’iscrizione al concorso è totalmente gratuita e dovrà pervenire entro e non oltre le ore 14.00 del giorno 2 dicembre 2019, utilizzando esclusivamente la procedura online all’indirizzo https://concorsonicolanappo.it. Al termine della procedura di iscrizione il sistema invierà una mail di conferma all’indirizzo mail fornito in fase di iscrizione.

L’iscrizione per i genitori, disponibile solo per le scuole che aderiscono, sarà attiva dalle ore 10.00 del 3 dicembre 2019 e dovrà pervenire entro le ore 14.00 del giorno 2 febbraio 2020.

Articolo 4 | MODALITÀ DI TRASMISSIONE DEGLI ELABORATI

Gli elaborati dovranno pervenire, numerati e senza riportare i dati anagrafici ed identificativi dell’autore o degli autori, entro e non oltre le ore 14.00 del giorno 9 marzo 2019, in forma fisica o digitale. Sarà cura dei docenti referenti produrre un elenco degli elaborati utilizzando la tabella di corrispondenza tra numeri e nomi degli studenti, che sarà resa disponibile sul sito solo a conclusione dei lavori della commissione esaminatrice e dopo la pubblicazione dell’elenco degli elaborati risultati vincitori.

Gli elaborati dovranno pervenire secondo le seguenti indicazioni:

  • Elaborati da trasmettere in formato fisico

Gli elaborati da trasmettere in formato fisico, delle dimensioni e con le caratteristiche specificate al precedente Articolo 2, sono i seguenti:

  • Disegno;
  • Lavoretto

Gli elaborati dovranno essere imbustati e/o imballati e spediti, con elenco dei lavori inviati, tramite raccomandata A/R, entro la data indicata, al seguente indirizzo: Parrocchia di San Francesco di Paola, Cavalcavia Longobardi – 84018 Scafati (SA). Farà fede il timbro postale con la data di invio della raccomandata. È possibile richiedere la consegna a mano, previo appuntamento al 3497207475, con ricevuta di raccomandata a mano.

  • Elaborati da trasmettere in formato digitale

Gli elaborati da trasmettere in formato digitale, delle dimensioni e con le caratteristiche specificate al precedente Articolo 2, sono i seguenti:

  • Inchieste giornalistiche;
  • Brano musicale originale;

Gli elaborati in forma digitale dovranno essere caricati dal docente referente direttamente dal sito https://concorsonicolanappo.it utilizzando le credenziali ricevute all’atto dell’iscrizione al concorso.

  • I genitori invece dovranno caricare le fotografie direttamente dal sito https://concorsonicolanappo.it con le credenziali ricevute all’atto dell’iscrizione.

Ad avvenuto protocollo degli elaborati ricevuti, da parte della segreteria organizzativa, verrà inviata una mail di conferma della ricezione.

Ciascuna scuola potrà inoltrare un numero massimo di 25 elaborati, indipendentemente dalla tipologia prescelta e dalla modalità di partecipazione.

Ogni genitore potrà inoltrare una sola fotografia.

Gli elaborati inviati, sia in formato fisico che digitale, non saranno restituiti.

Articolo 5 | SEGRETERIA ORGANIZZATIVA E COMMISSIONE ESAMINATRICE

L’organizzazione del concorso è in capo al Presidio di Libera a Scafati “Nicola Nappo” a cui spettano i compiti di segreteria organizzativa e di coordinamento delle attività. È responsabile della ricezione e archiviazione degli elaborati del concorso il Sig. Gerardo Illustrazione.

Gli elaborati inviati verranno sottoposti al giudizio insindacabile di una Commissione esaminatrice composta da:

  1. un rappresentante della famiglia Nappo;
  2. il Referente provinciale di Libera a Salerno o un suo delegato;
  3. il Referente del Presidio di Libera a Scafati o un suo delegato;
  4. il Parroco della Parrocchia di San Francesco di Paola di Scafati o un suo delegato;
  5. un esperto in arti musicali;
  6. un esperto in fotografia e/o arti grafiche;
  7. un esperto in comunicazione e/o giornalismo.

A seguito della valutazione della Commissione esaminatrice, la segreteria organizzativa provvederà a pubblicare sul sito https://concorsonicolanappo.it il verbale di designazione dei vincitori e chiederà ai docenti referenti la compilazione dell’elenco di corrispondenza.

Articolo 6 | PREMIAZIONE

La cerimonia di premiazione avverrà venerdì 17 aprile 2020 alle ore 9.30, giorno del compleanno di Nicola, presso il Teatro San Francesco – Cavalcavia Longobardi, Scafati (SA).

Ai vincitori, uno per ogni categoria, in forma singola o associata, verrò consegnata una targa ricordo.

Ulteriori informazioni sulla cerimonia di premiazione verranno diffusi in prossimità dell’evento e pubblicate sul sito.

Articolo 7 | DIRITTI D’AUTORE E INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

L’organizzazione del concorso si riserva tutti i diritti relativi alla pubblicazione, alla diffusione, alla divulgazione e ad ogni altro utilizzo degli elaborati pervenuti, con esclusione di ogni finalità di lucro. Le scuole, i docenti, gli studenti e genitori con la partecipazione al concorso, rinunciano ad ogni altro diritto d’autore per i predetti elaborati, che, in ogni caso, non verranno restituiti.

La partecipazione al concorso comporta la piena accettazione del presente bando e implica il consenso alla stessa organizzazione, da parte dell’Autore, a trattare i dati personali dichiarati, essendo inteso che l’uso degli stessi è strettamente collegato al Concorso e alle relative operazioni, escludendo ogni finalità diversa da quella prevista ai fini della legge sulla privacy, ivi compresa la pubblicazione di foto e video relative alla stesa cerimonia di premiazione.

I dati personali potranno essere trasmessi a terzi solo per il perseguimento delle finalità del concorso e/o per eventuali e specifici obblighi di legge.

Sarà premura delle scuole informare i genitori/tutori degli studenti minorenni al fine di acquisire la liberatoria al trattamento dei dati personali tramite il modulo disponibile sul sito del concorso.

Gli studenti maggiorenni dovranno rilasciare il consenso al trattamento dei dati personali tramite il modulo disponibile sul sito del concorso.

I dati personali raccolti saranno trattati con mezzi analogici e digitali esclusivamente per l’organizzazione e lo svolgimento della quarta edizione del Concorso Scolastico Nicola Nappo. Si possono esercitare i diritti sui propri dati inviando una mail a scafati@liberacampania.it.

Articolo 8 | ORGANIZZAZIONE E CONTATTI

L’organizzazione del concorso è in capo al Presidio di Libera a Scafati “Nicola Nappo”, cui spettano i compiti di segreteria e coordinamento delle attività. Per eventuali e ulteriori informazioni è possibile rivolgersi ai seguenti contatti mail:

o telefonici:

  • 3497207475 (Gerardo Illustrazione) – Referente del Presidio di Libera a Scafati “Nicola Nappo”
  • 3332720953 (Natalia Fienga)